RICONOSCIMENTI

Primo premio "Trofeo Rana d'Argento" al concorso letterario internazionale "Mario Donadoni" 2001 con il racconto in dialetto veneto "E BUSE".

Da "Il Gazzettino" del 06/11/2001
Il messo comunale-poeta vince il "Rana d'argento" con "E BUSE", storia drammatica di un emigrante.
Un messo comunale con la passione per la prosa e il teatro dialettale. Con un racconto in dialetto veneto intitolato " E Buse", Rino Gobbi si è aggiudicato il primo premio al concorso internazionale in lingua veneta "Mario Donadoni".
Il messo comunale di Campolongo Maggiore, 53 anni, ha vinto l'ambita "Rana d'argento" al concorso, organizzato dal comune veronese di Bovolone, con il patrocinio della regione veneto e del Presidente della Repubblica, al quale hanno preso parte oltre duecento scrittori veneti di tutto il mondo.
In "E buse", spiega Rino Gobbi, sposato con due figli, "racconto la storia drammatica di un emigrante in Germania, che, gravemente ammalato, torna a Campolongo Maggiore per vedere per l'ultima volta la sua terra".
Una passione, la scrittura, portata avanti da tempo. Rino Gobbi ha infatti scritto cinque commedie in italiano e dialetto, sketch, canzoni e alcuni romanzi.

Gloria Zanin, ex Miss Italia, mentre legge la motivazione del premio "Mario Donadoni" (anno 2001)

Primo premio al concorso internazionale "Emily Dickinson" 2003 con il libro inedito "IL GIUSTIZIERE".

Da "Il Gazzettino" del 26/03/2003
"IL GIUSTIZIERE" di Rino Gobbi premiato a Napoli.
Rino Gobbi, il messo comunale di Campolongo Maggiore, con la passione per la scrittura, ha ottenuto un altro significativo risultato. Si è infatti aggiudicato il primo premio al concorso internazionale Emily Dickinson" di Napoli con il suo nuovo libro "Il Giustiziere". "Ho scritto questo ultimo libro -ha commentato Rino Gobbi- come sfogo alla voglia di giustizia che la società reclama, imbastendolo con un alone di mistero ed inserendovi una storia d'amore e il dramma finale".
Lusinghiera la motivazione della giuria che ha premiato il libro per la freschezza della storia, il profondo senso etico e l'ansia di giustizia che reclama questa nostra società, il tutto rappresentato in un alone di mistero molto coinvolgente.
Il messo comunale di Campolongo Maggiore, noto in paese per la sua ormai notevole produzione letteraria in italiano e in dialetto veneto, non è nuovo a queste performance. Già segnalatosi in numerosi concorsi regionali, la sua produzione si dispiega tra la novella e il racconto breve, in cui trova spazio la denuncia sociale e la nostalgia della memoria. Ha all'attivo sette commedie scritte, che sono state richieste da varie compagnie, anche dal sud Italia.

Premiazione a Napoli (anno 2003)

 

Primo premio assoluto al concorso nazionale "Picena 2003" di Ascoli Piceno con la commedia "LOCANDA A ORE".

Quinto premio al concorso nazionale "Picena 2004" con la commedia "SUPERENALOTTO".

Terzo premio al concorso nazionale "Picena 2005" con la commedia "LA COLLANA".

Primo premio al concorso nazionale "Picena 2006" con la commedia "QUANDO I PERSONAGGI SI RIBELLANO"

Varie premiazioni in anni successivi al Concorso "Un racconto per l'estate" di Campagnola (PD)

Terzo posto al Premio letterario "Campagnola" con il racconto "La scoperta del libro" (anno 2006)

Quinto posto (su 180) con il racconto "Superenalotto, una commedia anzi una tragedia ingarbugliata" Premio Garfagnana "Loris Biagioni", Lucca, anno 2007

Semifinalista al premio "Penna d'Autore" di Torino con la poesia "Ho incontrato un uomo sulla spiaggia".

Quinto premio "Penna d'Autore" con il racconto "La Maestra" ad Albignasego (PD).

Segnalato manoscritto “50 anni fa a Campolongo” a Premio Letterario IBISKOS 2009 a Empoli FI.

Segnalato manoscritto “La serenitŕ ritrovata” al concorso letterario Jacques Prevert 2010 a Melegnano MI

Finalista con "Mio fratello Giuliano" al concorso letterario Jacques Prévert (giugno 2012)

Terzo premio con la coautrice Stramazzo Nella al concorso letterario "Nonno raccontami una storia" (giugno 2012)

Terzo posto con la commedia "Locanda a ore" al concorso letterario "Bel-Ami" di Napoli (luglio 2012)

Secondo Premio con il libro "Mio fratello Giuliano" al Concorso Nazionale "Unicamilano 2013" di Milano (febbraio 2014)

Segnalazione con il libro “Mio fratello Giuliano” al concorso Filo d’Arianna Cinque Terre, di La Spezia

Quarto posto al concorso LU BENE CHE TI VUJE (Ortona) con la poesia “Pubblico dipendente”.

Quinto posto al concorso IL POETA E IL NARRATORE (Monselice) con il racconto “La virgola”.

Finalista al concorso LA RIVIERA DEI MONOLOGHI (Bordighera) con la commedia “Teodolinda”.

Finalista al “PREMIO NAZIONALE DI FILOSOFIA” a Certaldo (FI) con il racconto “All’aeroporto” nel 2016

Quarto posto al concorso “LOCANDA DEL DOGE” a Rovigo con il libro “Una storia d’altri tempi” nel 2016

Secondo posto (su 197) al concorso “UNICORNO” a Rovigo con la commedia “La collana” nel 2016

Altri premi minori.

 

Premiazione al Palazzo dei Capitani di Ascoli Piceno (anno 2003)

Articolo del Gazzettino del 27 gennaio 2004

Mario Klein mentre legge il racconto "La scoperta del libro" vincitore del terzo Premio letterario "Campagnola" (PD, anno 2006)

 

Rosso Giacobbe mentre legge il testo di un racconto durante una premiazione al Concorso "Un racconto per l'estate" - Campagnola (PD)

 

Premiazione al concorso Picena 2006

Quinto posto con medaglia d'oro al "Premio Garfagnana", Lucca, anno 2007

Sesto posto con medaglia d'oro al "Premio Garfagnana", Lucca, anno 2008, con il racconto "Il concerto"

Secondo posto con il libro “Mio fratello Giuliano” al Premio Nazionale “Unicamilano 2013” di Lodi

Quarto premio con il libro "Una storia d'altri tempi" (2016)

Secondo premio (su 197 candidati) con la commedia "La Collana" (2016) alla presenza dell'attore Sergio Muniz

 

Home Page